Cabudu in fundu il 21 aprile a Dolianova

Le poesie cantate in lingua sarda di Mariagrazia Dessì

sabato 21 aprile a Dolianova per

Street Books 

 La scrittrice sarà alle 18 al Centro Polifunzionale Su Cuccureddu di via Ghandi per una serata di poesia, musica e arte con Cabudu in fundu il suo nuovo libro di poesie

 

Sabato 21 aprile alle 18 al Centro Polifunzionale Su Cuccureddu di via Ghandi, Cabudu in fundu, di e con Mariagrazia Dessì. Introduce Emilio Capalbo, interviene Lorenzo PuscedduEsecuzione in musica delle poesie a cura di: Alessio Zucca, Giorgia Cugia, Silvia Porcu, Tiziana Pani, Francesca Puddu, Stefania Secci Rosa e Terry Solinas. Con l’esposizione delle sculture di Paolo Partis che hanno illustrato il libro.

cover cabudu

Cabudu in fundu. Poesie cantate in lingua sarda (Grafica del Parteolla) –  Il libro raccoglie venticinque poesie, corredato dalla trascrizione delle melodie.
“… Quelle melodie non sono più accessorie, non sono una cornice sonora data alle parole che potrebbero, come di norma avviene, semplicemente esser lette; per lei sono parte di ciascuna poesia. Anzi, forse di più: lei vive le sue poesie come se fossero poesie con musica (non poesie da esser poi messe in musica)…” (Dalla prefazione del musicista Emilio Capalbo)

foto-Mariagrazia-Dessi

Mariagrazia Dessi è nata a Dolianova (CA), dove vive. Ha già pubblicato tre raccolte di poesie in lingua sarda con traduzione in italiano: con la casa editrice Grafica del Parteolla Torra immoi (1997 prima edizione e 2002 seconda edizione con traduzione in catalano di Joan Armangué i Herrero) e A perda furriada (nel 2006 con traduzione in catalano di Joan Armangué i Herrero); con Apollo edizioni Cun su ‘entu in busciacca (2016). Sue poesie figurano, inoltre, su riviste letterarie, tra cui La grotta della vipera e S’ischiglia, su periodici locali e su numerose raccolte antologiche a carattere regionale e nazionale. Una sua poesia “Torra immoi”, che ha dato titolo alla sua prima raccolta, è stata musicata dal cantautore Franco Madau e figura nell’album Cara ‘e luna.
È stata ospite, come poetessa, in numerose iniziative di cultura italo catalana: nel 2002, presso il Palau Robert Centro d’Informazione della Catalogna, per iniziativa della Generalitat de Catalunya Departament de la Presidència, Barcellona; nel 2006 in un incontro tra autori di poesia catalano-sarda presso la Facoltà di Lingue e letterature straniere di Cagliari; nel 2009, in occasione del festival Primavera poetica, La Garriga (Catalogna) e III Festival di poesia catalano-sarda presso la Facoltà di Lingue e letterature straniere di Cagliari, nel 2011 nel Festival Terras sorris, Genoni (Sardegna).
Sue poesie e racconti hanno ricevuto numerosi riconoscimenti in vari concorsi letterari regionali e nazionali. Tra questi: Concorso letterario “Città di Ozieri”, edizione 1989 e 1990; VIII e XV Premio internazionale “Nosside”, Reggio Calabria; Premio “Città di Selargius 2003″; Concorso “Momenti da favola”, Goethe Institut, 2012; Concorso nazionale di poesia in vernacolo “Antonio e Carlo Tortorella”, prima edizione 2015, Lagonegro; Concorso nazionale “Salva la tua lingua locale”, edizione 2015, Roma (sezione poesia); Concorso Nazionale “Salva la tua lingua locale”, edizione 2016, Roma (sezione musica); Premio per la Pace e la Giustizia Sociale, XXV edizione, Torino.

Annunci

il nuovo romanzo di Vincenzo Soddu sabato 14 aprile a Dolianova per Street Books

Lo scrittore sarà alle 19 alla Biblioteca Comunale con Invisibili il suo nuovo romanzo ambientato nel mondo della scuola

Sabato 14 aprile alle 19 alla Biblioteca Comunale di Dolianova in piazza Brigata Sassari, Invisibili (Arkadia), di e con  Vincenzo Soddu. Interviene Giuseppe Pusceddu. Letture di Dario Cosseddu.

 cov invis
INVISIBILI  – Alessandro è un insegnante cinquantenne in piena crisi di identità, alle prese con un matrimonio fallito e la recente scomparsa del padre. A questo si aggiunge il trasferimento dal tranquillo e rassicurante corso serale, a una classe di pestiferi e indolenti quindicenni di un istituto professionale. Gli standard lavorativi fatti di brevi lezioni, veloci valutazioni e una diffusa indifferenza per gli studenti, vengono meno quando Alessandro realizza che nella sua classe sono presenti alcuni casi di evidente disagio sociale. Lo scontro con una realtà che non aveva considerato, le difficoltà dei suoi giovani studenti contribuiranno a scuoterlo dal torpore che lo annichilisce. In una cavalcata di lezioni alternative di italiano, storia e geografia, Alessandro riuscirà a ritrovarsi, e scoprirà che per farlo occorre prima perdersi al largo delle difficoltà proprie e di quelle altrui.

 

vincenzosoddu-radiox-1600x1097​ 

Vincenzo Soddu – vive e lavora a Cagliari come insegnante in un Liceo, contemporaneamente si dedica a ciò che ama di più: scrivere. Nel 2011 ha pubblicato il saggio “Una pergamena in sardo e latino”, in “Templari, crociate, giudicati e ordini monastico-cavallereschi nella Sardegna medioevale”, a cura di Massimo Rassu (Arkadia Editore). Nel 2013 esordisce nella narrativa con “La neve a Gaza” (Caracò), sui temi della guerra e dell’integrazione. Nel 2015, per Cuec, ha curato “Un’isola da bere”, sesto numero della Rivista “Mieleamaro”. Dal 2012 gestisce il blog libriedintorniblog.

Sabato 24 marzo alle 19 allo  Spring Beer Pub di via Emilio Lussu a Dolianova NEL POZZO

Sabato 24 marzo alle 19 allo  Spring Beer Pub di via Emilio Lussu a Dolianova NEL POZZO (Tombolini ed.), di e con  Antonello Soriga. A dialogare con l’autore saranno Antonello Murgia e Claudio Zasso. Letture di Luciano Marongiu

nel pozzo

Nel pozzo – Senza una causa apparente, un raptus e un momento di follia trasformano pacati uomini in efferati assassini. Tore Marzeddu è dolce, forte e sincero, ma la vita lo porta a contatto con la sua natura nascosta, il pozzo oscuro di cui è contemporaneamente artefice e vittima. Sarà il suo “alleato spietato” a misurarsi con le perfide donne che hanno reso la sua vita un inferno ed è così che disistima, dolore, rancore e odio prendono il sopravvento, emergendo dal profondo dell’oscuro pozzo. L’azione, la fuga, la latitanza, un amore perduto, un figlio inatteso e il carcere come conseguenza trasformeranno il fabbro di Villamargo in un eroe sconsacrato, senza speranza, senza futuro. Ma la corsa della vita non ha mai fine e in vecchiaia Tore si prepara a tornare in un mondo che non l’ha mai accettato e che ora è talmente cambiato da apparirgli ostile e pericoloso.

23517805_1980945752148464_8263261741629144725_n(1)

Antonello Soriga – Psicologo e psicoterapeuta è stato professore a contratto presso l’Università di Cagliari ed è professore di ruolo presso l’Istituto Meucci di Cagliari.

È coautore di molti articoli scientifici in ambito psicologico e autore di Sviluppo Sostenibile nel Marghine e Planargia (2001, Ecosviluppo ed.), L’altalena di Chernobyl (2005, Armando ed.) e della raccolta di novelle Storie da Matti (2013, Vertigo ed.). Questo è il suo primo romanzo.

Sabato 17 alle 18.30 alla Biblioteca Comunale di Dolianova in piazza Brigata Sassari, Lettera a un giovane sardo sempre connesso (Domus de Janas), di e con Bachisio Bandinu. A dialogare con l’autore sarà Piersandro Pillonca

locandina street books17

LETTERA A UN GIOVANE SARDO SEMPRE CONNESSO – Gli adolescenti convivono con le nuove
tecnologie della comunicazione dal momento in cui si alzano dal mattino e accendono Internet, all’ istante in cui si addormentano, al punto che non riescono a immaginare di poter vivere senza il proprio Smartphone.
La generazione “sempre connessa” sperimenta una condizione ambivalente: apertura o chiusura? Pensiero flessibile e dinamico oppure omologazione e dipendenza? Condivisione o solitudine? Sul rapporto che i giovani hanno con la Rete, più di 5000 studenti hanno risposto a domande volte a esplorare i tempi e i modi del contatto e delle relazioni, il formarsi dell’identità digitale, le amicizie virtuali, l’educazione al cosmopolitismo e alla democrazia, il raffronta tra assuefazione e coscienza critica, il valore dei “mi piace” e dei “condivido” nei social network. Emerge un quadro problematico degli esiti emotivi e cognitivi che investono l’esperienza di un nuovo arcipelago Giovani. Risulta ancor più urgente la necessità di una educazione digitale.

Bachisio Bandinu – Laureato in lettere e diplomato in giornalismo e radio-televisione presso la Scuola Superiore delle Comunicazioni Sociali. Tra le altre pubblicazioni: Il re è un feticcio con Gaspare Barbiellini Amidei, Rizzoli, 1976, riedizione Ilisso 2003; Costa Smeralda, Rizzoli 1980, aggiornato in Narciso in vacanza, AM&D 1994; Lettera a un giovane sardo, Della Torre 1996; Identità, cultura e scuola, con Placido Cherchi e Michele Pinna, Domus de Janas 2003; La Maschera la Donna lo Specchio, Spirali 2004;                     Il pastoralismo, Zonza 2006.

IO STREET BOOKS PERCHÉ, uno slogan per Street Books – Concorso di idee (scadenza 31 marzo)

concorso di idee street books3


Street Books indice un Concorso di idee per l’individuazione degli slogan per la campagna di comunicazione del Festival Street Books 2018 – LE STORIE SIAMO NOI. Il concorso si propone di selezionare almeno cinque frasi (scritte in sardo campidanese o in italiano) che mettano in risalto:

il piacere della lettura e l’utilità dei libri, il valore degli incontri culturali e del ritrovarsi per passare insieme una serata, la funzione dei festival e delle manifestazioni di promozione della lettura e della cultura. Gli slogan proposti dovranno essere un completamento della frase

IO STREET BOOKS PERCHÉ … / DEU STREET BOOKS POITA…

La partecipazione al concorso è aperta a tutti, senza distinzione di età genere, provenienza geografica.

Il premio per i vincitori consiste nell’aggiudicazione delle cinque magliette ufficiali Street Books che raccolgono le frasi vincitrici e saranno messe in vendita per il Festival. I candidati dovranno presentare le loro frasi inviando una e mail a infostreetbooks@gmail.com. Ogni candidato può presentare uno o più slogan della lunghezza massima di 250 caratteri spazi inclusi. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 31 marzo 2018. I vincitori saranno proclamati entro il 20 aprile 2018.

Laboratorio di Poesia e Arte – “La cartapesta” Via alle Iscrizioni

loc cartap

#StreetBooks2018 siamo pronti a Sbocciare 🌻

al VIA le ISCRIZIONI al laboratorio di Poesia e Arte di cartapesta per 10 bambini di età compresa tra i nove e i tredici anni, che potranno essere accompagnati anche dai genitori, dai nonni, zii etc…di cui sarà gradita la collaborazione.😁

Il laboratorio si svilupperà in 10 incontri pomeridiani di tre ore, da effettuarsi un giorno alla settimana (il mercoledì) dalle ore 15,00 alle ore 18,00.

Durante il laboratorio guidato dall’artista Efisio Zedda di Dolianova, si creeranno personaggi ispirati alle poesie di Peppino Mereu, lette e commentate dalla poetessa Mariagrazia Dessi, con la collaborazione dell’educatrice Eliana Aramu e LA MEMORIA STORICA SOC. COOP.

Alla fine del laboratorio verrà allestita una mostra in occasione della presentazione della rivista letteraria Coloris de Limbas

 

venerdì 6/10 a Cagliari, Patrick Spottiswoode, Direttore del Shakespeare’s Globe Theatre di Londra chiude STREET BOOKS 2017

Cari amici,

la lunga avventura di Street books 2017 si chiude venerdì 6 ottobre a Cagliari. Alle 17.30 nella Sala Convegni Fondazione di Sardegna in via San Salvatore da Horta, 2, SHAKESPEARE’S GLOBE: VERY OLD AND RADICALLY NEW, una conferenza di Patrick Spottiswoode, Direttore del prestigioso Shakespeare’s Globe Theatre. Introduce Laura Tosi dell’Università Ca’ Foscari. La conferenza è in inglese, l’ingresso è gratuito e l’organizzazione generale è dell’Associazione Italia Inghilterra.

Di seguito altre info e dettagli.

Vi aspettiamo!

loghino-miele-piccolo  e  logo1

          

​con l’organizzazione generale di 

it-ing

  ​presentano:

 Venerdì 6 ottobre 2017, ore 17.30

Sala Convegni Fondazione di Sardegna

Via San Salvatore da Horta, 2 – Cagliari

globe1

Shakespeare’s Globe: Very Old and Radically New

per celebrare 400+1 anniversari della morte

di William Shakespeare

una conferenza di

Patrick Spottiswoode

Director, Globe Education, Shakespeare’s Globe

 introduce

Laura Tosi

Università Ca’ Foscari, Venezia

 Ingresso gratuito, conferenza in lingua inglese

Info: italiainghilterra@tiscali.it – tel. 328 7299397

 

un appuntamento organizzato in collaborazione con

loghi globe2


globe2

L’attuale Shakespeare’s Globe Theatre è stato costruito a poche centinaia di metri dal sito originale, rispettando fedelmente materiali, forma e tecniche costruttive (ed anche la normativa in materia di sicurezza antincendio) ed inaugurato nel 1993. Offre un ricco cartellone quasi esclusivamente dedicato alle opere shakespeariane, inoltre propone numerosissime iniziative a carattere didattico ed educativo. Nel corso della conferenza Prof. Spottiswoode, con l’aiuto di filmati e diapositive, illustrerà la filosofia del Globe e i meccanismi che permettono a questo teatro di essere sempre pieno e non dover dipendere dai contributi pubblici.

 

Patrick-Spottiswoode

Patrick Spottiswoode collabora con il Globe Theatre sin dalla sua progettazione ed oggi coordina uno staff di ventotto persone a tempo pieno e circa un centinaio di collaboratori freelance. E’ Visiting Professor per numerose università americane, ha ricevuto il PhD Honoris Causa dalle università di Worwick e Sassex, e in collaborazione con il King’s College di Londra coordina una MA in Shakespeare Studies.

CERCAREL’AMORE E’ PIU’ FACILE CHE CERCARE PARCHEGGIO (23 LUGLIO)

Domenica 23 Luglio Villa de Villa Dolianova
Giornata conclusiva di #streetbooks2017
H 20:30 “TUTTE LE SFUMATURE DEL NOIR” con Massimo Carlotto e Vito Biolchini
H 21:30 “Cercare l’amore è più facile che cercare parcheggio”
Concerto in favore della ricerca con Stefania Secci e Francesca Puddu

Massimo Carlotto è uno scrittore, drammaturgo, giornalista, saggista, fumettista e sceneggiatore italiano
E’ stato definito come uno dei migliori scrittori di noir e hard boiled a livello internazionale

Il vino come al solito lo offre Street Books, saremo felici di brindare tutti insieme e darci l’arrivederci a #streetbooks2018

Sarà anche l’ultima occasione per degustare le delizie di Filippo Meloni e Angela Meloni Congiu

Vi aspettiamo

STO BENE, PROPRIO ORA, PROPRIO QUI (22 LUGLIO)

Sabato 22 Luglio Villa de Villa Dolianova #streetbooks2017
H 21:00 L’Aperitivo Street Books
H 21:30 “STO BENE, PROPRIO ORA, PROPRIO QUI”
STO BENE, PROPRIO ORA, PROPRIO QUI uno spettacolo di e con Raoul Moretti , An Unconventional Harpist e Gerardo Ferrara(voce)

“STO BENE, PROPRIO ORA, PROPRIO QUI” è un analisi narrata dell’ illogica allegria di Giorgio Gaber
Un viaggio nel teatro-canzone di Giorgio Gaber attraverso il tentativo di ri-lettura dei temi che hanno animato e agitato l’animo del signor G.Un tentativo di attualizzazione del pensiero e dell’analisi antroposociale che ha contraddistinto la straordinaria collaborazione artistica e il “sentire” di Gaber e Sandro Luporini. La fatica dell’animo umano,la sua leggerezza,il disagio esistenziale,la bellezza delle “periferie”
umane,la complessità del pensiero e la semplicità e la forza dell’Amore.L’invettiva e la poesia tesa non solo ad idealizzare,ma “anelare” finalmente ad “un uomo nuovo”

L’;arpa di Raoul Moretti traccia musicalmente il solco gaberiano con una vena “reinterpretativa” originale che mette a proprio agio la voce narrante di Gerardo Ferrara.
Il lavoro è accompagnato dalle proiezione di alcune foto tratte da
libro di Reinhold Kohl “io mi chiamo Gaber e sono ancora qui”

Raoul Moretti,arpa elettrica

Gerardo Ferrara voce

Reinhold Kohl foto

L’italo-svizzero Raoul Moretti è un arpista versatile e sperimentale con un approccio molto originale allo strumento.
Tale approccio, negli anni, lo ha condotto a sviluppare un percorso artistico alla ricerca di uno stile personale. Oggi è uno degli artisti più innovatori con una traiettoria artistica internazionale, portando la sua arpa in differenti mondi musicali (avant-garde, pop-rock, world music, electronics, nu-dance, classic, free improvising) ed in altre forme di arte (danza, pittura, cinema, video-installazioni) e in molti diversi ambienti (teatri, clubs, discoteche, case, stazioni, strade, strutture ospedaliere e centri medici).